Ti preoccupa il COVID-19? Scopri di più

L'Assicurazione Viaggio di cui ti puoi fidare

Leggi le recensioni dei clienti

Assicurazione COVID

La situazione di emergenza globale causata dal diffondersi del virus COVID-19 ha preoccupato molti viaggiatori e per questo motivo cercheremo di rispondere di seguito alle principali domande e dubbi che ci vengono posti.

Se hai prenotato un viaggio, per prima cosa ti consigliamo di controllare gli avvisi relativi al tuo paese di destinazione (compresi gli eventuali paesi in cui dovresti fare scalo) sul sito del Ministero degli Affari Esteri www.viaggiaresicuri.it.

PRIMA DI PARTIRE

Sono coperto se dovessi annullare il viaggio nel caso in cui contraggo il COVID-19 prima della partenza?

Se hai acquistato la polizza specifica Annullamento Viaggi Sicuri o una polizza di livello Oro (che include la garanzia Annullamento Viaggio), copre in caso di rinuncia al viaggio dovuta alla contrazione del coronavirus da parte dell’assicurato (N.B. le polizze Base e Argento non comprendono l’Annullamento).

Il premio della Polizza Annullamento viene calcolato in base al costo del viaggio e deve essere acquistata entro 48 ore dal primo servizio turistico prenotato (es. volo). Copre fino a € 5.000 per persona (fino ad un massimo di € 10.000 per pratica di viaggio). Nel preventivo online è necessario cliccare sul bottone Annullamento anziché sui bottoni “Individuale”, “Famiglia”, ecc.).

Le polizze di livello Oro includono automaticamente la copertura Annullamento Viaggio con un massimale di € 2.000 per persona (fino ad un massimo di € 10.000 per pratica).

In caso di malattia, ricovero o infortunio grave, l’assicurazione trattiene il 10% del costo del viaggio (scoperto di garanzia) con un minimo applicabile di € 80 per persona assicurata (franchigia). Non è possibile eliminare questo scoperto/franchigia ed è dunque obbligatoria anche se si acquista l’opzione Esonero Franchigia disponibile per le polizze di livello Oro.

DURANTE IL VIAGGIO

Mi trovo in viaggio e mi è stato diagnosticato il coronavirus. Sono coperto per spese mediche e un nuovo biglietto di viaggio per rientrare in Italia?

Si, l’assicurato è coperto in caso contraesse il Covid-19 durante il viaggio, anche se si tratta di pandemia. Questo significa che, in caso di spese mediche all’estero o assistenza sanitaria in Italia o all’estero, il COVID-19 viene considerato dall’assicurazione come una malattia comune come ad esempio il morbillo. Per questo motivo non troverai nelle Condizioni di Polizza una specifica sezione dedicata al COVID ma una nota nelle esclusioni a pagina 2 del DIP (Documento Informativo Precontrattuale) in cui si legge:

Quarantena e/o pandemia (dichiarata dall’OMS, ovvero l’Organizzazione Mondiale della Sanità). Si precisa che la copertura assicurativa è operante in caso di infezione da COVID-19 contratta dall’Assicurato o Parente Prossimo dell’Assicurato per le garanzie di Assistenza, Spese Mediche e Interruzione Viaggio.

Nel caso in cui dovessi contrarre il coronavirus durante il mio viaggio, per che cosa sono coperto di preciso?

Il nostro consiglio è di leggere sempre nelle Condizioni di Polizza le garanzie A (Spese Mediche) e B (Assistenza nelle Emergenze Sanitarie). A titolo informativo, elenchiamo una sintesi delle coperture previste.

Per la garanzia di Spese Mediche all’estero, sono contemplati i seguenti costi:

  1. ambulanza;
  2. i costi di ricovero in istituto di cura incluso intervento chirurgico;
  3. trattamenti ambulatoriali (visite mediche ambulatoriali, accertamenti diagnostici ed esami di laboratorio);
  4. farmaci prescritti dal medico curante in loco.

Per la garanzia Assistenza nelle Emergenze Sanitarie, la polizza viaggio, in caso l’assicurato contragga il COVID-19, copre:

  1. Trasferimento ospedaliero, ovvero il trasferimento dell’assicurato da un istituto di cura ad un altro istituto specializzato;
  2. Rientro Sanitario dell’assicurato in Italia organizzato dalla nostra Centrale Operativa;
  3. Prolungamento soggiorno, ovvero il rimborso del costo aggiuntivo per il soggiorno fino ad € 1.000, qualora l’assicurato non possa rientrare in Italia con il volo originariamente prenotato;
  4. Rimpatrio con un medico, qualora i dottori lo ritengano necessario;
  5. Garanzia per il pagamento delle spese ospedaliere, ovvero il pagamento delle spese mediche è diretto e non a rimborso, ove possibile.